Società di revisione

L’attività di revisione legale è svolta da una società nominata, su proposta del Collegio sindacale, dall’Assemblea dei soci tra quelle iscritte nell’apposito albo.

L’incarico di revisione dei bilanci di esercizio, dei bilanci consolidati e dei bilanci semestrali abbreviati per gli esercizi 2008-2016 è stato conferito alla società di revisione Reconta Ernst & Young S.p.A.54, organizzazione italiana del network Ernst & Young, che è stata altresì incaricata, attraverso le organizzazioni presenti nei diversi Paesi in cui Pirelli opera, per la revisione dei bilanci delle principali società del Gruppo Pirelli.

Il Responsabile dell’incarico di revisione contabile in Pirelli & C. S.p.A. è il Dott. Pietro Carena.

La società di revisione è chiamata a verificare l’elaborazione della relazione sul governo societario e gli assetti proprietari nonché a esprimere il cosiddetto “giudizio sulla coerenza” di alcune informazioni riportate nella presente Relazione.

Annualmente la società di revisione definisce un piano di attività comunicato al CCIRCG.

I compensi riconosciuti a Reconta Ernst & Young (e alle società appartenenti alla sua rete) sono in dettaglio riportati nelle note al Bilancio di Esercizio e Consolidato di Pirelli & C. al 31 dicembre 2013. Nel corso delle assemblee convocate per l’approvazione delle relazioni finanziarie annuali è, inoltre, fornito il resoconto delle ore impiegate e dei compensi corrisposti al Revisore nell’esercizio di riferimento.

Il CCIRCG e il Collegio Sindacale hanno altresì definito nel corso del 2011 una articolata procedura per il conferimento di incarichi (in particolare quelli “non-audit”) da parte di Pirelli a società appartenenti al network Ernst & Young stabilendo che la necessaria preventiva ed espressa autorizzazione del Direttore Finanza il quale, con l’ausilio del Direttore Internal Audit ha il compito di verificare che l’incarico da attribuirsi non rientri tra quelli non ammessi dal Testo Unico della Revisione Legale e che in ogni caso date le sue caratteristiche non incida sull’indipendenza del revisore. Il Consiglio di Amministrazione, previo esame del CCIRCG ha verificato e approvato il rendiconto degli incarichi (in particolare “non-audit”) conferiti nell’Esercizio.

Peraltro, tutti gli incarichi che prevedano un compenso superiore a 50 mila euro devono comunque essere preventivamente sottoposti all’esame del Collegio sindacale e del CCIRCG, fatte salve motivate e specifiche ragioni (i.e. incarichi non inclusi nei servizi di revisione che la normativa, anche regolamentare, espressamente disponga vengano svolti dal Revisore). Il Direttore Internal Audit fornisce con periodicità almeno trimestrale al citato Comitato e al Collegio sindacale un elenco dei servizi non di revisione conferiti al Revisore.

54 Si veda Verbale dell’Assemblea degli azionisti 29 aprile 2008 disponibile sul sito internet della Società.