Comitati manageriali

Sono costituiti all’interno del Gruppo specifici Comitati Manageriali composti dal top e dal senior management del Gruppo con il compito di coadiuvare il Consiglio di Amministrazione e gli Amministratori esecutivi nella definizione delle linee guida dell’attività di impresa e di dare attuazione agli indirizzi stabiliti dal Consiglio. In particolare sono stati costituiti, tra gli altri i seguenti principali Comitati Manageriali.

Management Committee

Fanno parte del Management Committee tutti i responsabili delle Business Unit, Region e Funzioni che rispondono direttamente al Presidente e Amministratore Delegato.

Il Management Committee, presieduto dal Presidente del Consiglio di Amministrazione e Amministratore Delegato, ha il compito di coadiuvare quest’ultimo nella elaborazione delle linee strategiche di Gruppo da sottoporre all’esame del Consiglio e di dare esecuzione e attuazione alle decisioni assunte in merito dal Consiglio di Amministrazione, monitorandone l’implementazione. Il Management Committee si riunisce con cadenza mensile per verificare costantemente l’andamento economico del Gruppo; lo sviluppo dei programmi, piani e iniziative comuni al Gruppo e delle Business Unit o Region che abbiano rilevanza comune.

I Comitati Manageriali rischi

La revisione del modello dei rischi ha portato all’identificazione di tre macro-famiglie di rischio, segnatamente: (i) rischi di contesto esterno, (ii) rischi strategici e (iii) rischi operativi, che guidano gli obiettivi di risk management, il modello di controllo e gli organi di “governo” (si rinvia in proposito alla sezione “Il sistema di governo dei rischi”).

Sono stati costituiti due Comitati Manageriali Rischi:

  • il Comitato Rischi Strategici con competenza sui rischi inerenti alle scelte strategiche di business o derivanti dal contesto esterno in cui opera il Gruppo;
  • il Comitato Rischi Operativi focalizzato sulla prevenzione e gestione dei rischi inerenti specificamente all’assetto organizzativo, ai processi e ai sistemi del Gruppo.

Entrambi i Comitati hanno il compito di (i) adottare e promuovere un processo sistematico e strutturato di identificazione e misurazione dei rischi; (ii) esaminare le informazioni sui rischi, interni ed esterni, esistenti e prospettici, cui è esposto il Gruppo; (iii) proporre strategie di risposta al rischio in funzione dell’esposizione complessiva e puntuale alle diverse categorie di rischi; (iv) proporre l’applicazione di risk policy al fine di garantire che il rischio sia ridotto a livelli “accettabili”; (v) monitorare l’implementazione delle strategie di risposta al rischio definite e il rispetto delle risk policy adottate.

Lo Steering Committee Sostenibilità

Lo Steering Committee Sostenibilità, presieduto dal Presidente del Consiglio di Amministrazione ha responsabilità di indirizzo e presidio dell’evoluzione della sostenibilità, formulando i piani di sostenibilità in piena integrazione con il piano industriale del Gruppo, e alla luce degli indirizzi e dei principi internazionali in materia. Nello Steering Committee Sostenibilità sono presenti tutte le funzioni della “catena del valore” rappresentate dal relativo Direttore di Gruppo – Sostenibilità e Governo dei Rischi, Affari Istituzionali, Corporate Governance, Risorse Umane e Organizzazione, Amministrazione e controllo, Prodotto, Processo, Acquisti, Ricerca & Sviluppo, Relazioni con gli Investitori, Ambiente, Salute e Sicurezza, Marketing, Relazioni con i Media – nonché dai capi di business.

Si rinvia al Bilancio di Sostenibilità (Volume 3 del fascicolo “Relazione finanziaria al 31/12/2013”) per una completa trattazione della performance sostenibile di Pirelli nel 2013 e dei relativi target pluriennali.